Io resto a casa e faccio i biscotti

Salve amici,

in questo periodo ormai consolidato di rimanere in casa, piano piano devo “inventarmi” di fare qualcosa che sia più utile che futile. Così ho deciso di fare dei buoni biscottini e di proporvi la ricetta.

Continua a leggere “Io resto a casa e faccio i biscotti”

Coronavirus 21

Salve amici,

in questo periodo di fermo, io continuo a non fermarmi. Non riesco a capire: sono a casa, ho solo tempo, ma in realtà non riesco a fare nulla. O meglio non riesco a fare, o faccio poco, di ciò che mi prefiggo, perché subentrano sempre incombenze e problemi esterni non previsti. Che fastidio! Non demordo, ce la farò.

Per quanto riguarda il divulgarsi del virus devo dire che la situazione sembrava volgere al meglio, ed invece… sono notevolmente aumentati un’altra volta i contagi e i morti. In modo particolare sempre in Lombardia. Sono molti anche i decessi di medici e infermieri. Che disperazione! Speriamo si trovi presto una soluzione… non si può andare avanti così. Ora i dati precisi non ce li ho, so solo che nel mio Veneto siamo a circa 9100 contagiati! Questo virus è veramente dannoso, infido: un nemico invisibile. Ci si sta muovendo per trovare una soluzione, ma secondo me, senza un vaccino, non ne verremo fuori. Io, per esempio, ho deciso che non andrò più in un supermercato, al chiuso e affollato, se prima non c’è una vera e proprio soluzione a tutto ciò. Farò la spesa on line! Per frutta, verdura e carne, invece, continuerò ad andare dai miei rivenditori di fiducia che fortunatamente si trovano sotto casa.

Penso che nei prossimi giorni ritornerò a scrivere nel blog di cose frivole, come facevo prima… vedo che la soluzione è lontana e magari ritornare alle mie inutilità mi aiuterà a far finta di far qualcosa. Che ne dite? Lara.

Coronavirus 20

Salve a tutti,

…..non so che dirvi….o meglio sono un po’ contenta perché sembra che lo stare in casa stia dando i suoi frutti. Infatti tra i contagi il numero sta scendendo. Speriamo. Continua a leggere “Coronavirus 20”

Coronavirus 19

Salve amici.

Oggi non ho voglia di niente. Nemmeno di scrivere. Non ho più niente da dire, se non che leggo alcuni giornali, che mi informo, forse anche troppo, sul coronavirus, che guardo gli speciali in tv quando ci sono, insomma che sono un po’ sconvolta e preoccupata.

Sul virus, si parla anche di complotto, cioè che sia stato creato in laboratorio e poi “sfuggito di mano”, sul virus si discute perché ha una mortalità più alta in Lombardia che nel resto del mondo, sul virus si dice che muoiono soprattutto gli anziani con patologie, e non, aggiungo io. Insomma sul virus si dice di tutto perfino che il vaccino arriverà fra 18/24 mesi. Io continuo a non capire… comunque sia io me ne resto a casa, sistemo e pulisco la mia casa, nella speranza che quando ritornerò al lavoro avrò tutto pulito. Voi che fate in questi giorni? Lara.

Coronavirus 18

Salve a tutti,

oggi sono molto triste perché vedo che i casi di decessi, in Lombardia e nel resto d’Italia, aumentano. In modo particolare a Bergamo, Brescia e Cremona sembra un bombardamento giornaliero. Non capisco, non riesco a capire come mai un numero così elevato. Le ipotesi che passano nella mia mente sono molteplici… ma alla fine è sempre: “non so”.

Ieri sera i camion dell’esercito, tutti in coda, con circa 65 salme, che uscivano dalla Lombardia per essere trasferite in altre regioni ha proprio mostrato la nostra fragilità, impotenza e rassegnazione. Quasi come una guerra, anzi una guerra contro un nemico invisibile, così è definito dai giornalisti. Vero! Solo che il tutto mi rattrista molto e crea in me un po’ di panico, perché il picco o comunque lo spostamento del virus è atteso su Padova e resto del Veneto.

Poi da ultima notizia, a Vo’, Comune del primo epicentro italiano c’è un nuovo contagio, quando da giorni non se ne registrava nessuno. Ancora non capisco, ma forse qui la spiegazione è più semplice: qualcuno, negativo, si è spostato e si è contagiato. Ma starnutiamo tutti? Ci baciamo? Se dobbiamo stare a un metro di distanza… e dobbiamo stare a casa, da dove viene sto contagio? Boh, sempre non capisco! Che ne dite? Lara.

Coronavirus 17

Ciao Italia.

Ciao a tutti. La situazione è sempre delicata e pesante. Io resto a casa e… guardo la televisione. Ascolto prevalentemente i Telegiornali e gli Speciali che i vari canali propongono. Tante cose ancora non le capisco… lasciamo perdere non mi addentro in discussioni.

Oggi la giornata è splendida: c’è il sole, la temperatura è mite e sembra proprio primavera. Tuttavia il mio pensiero va sempre là: al virus che ci contagia e per alcuni non c’è niente da fare. La preoccupazione è molta, ma se mi tengo occupata forse… le mie giornate passano meglio.

Tra l’altro stanotte sono stata male: avevo dolori molto forti alla parte alta del ventre. Io penso sia tensione dovuta alle preoccupazioni sia del virus che dilaga, sia dei compiti che devo far fare al bimbo e che ha poca voglia. Questa sua poca voglia mi stanca molto, mi distrae e mi crea tensione nel tentativo di non riuscire a portare a termine il programma settimanale. Forse però per questa settimana ce la facciamo.

E voi, come trascorrete le vostre giornate in casa? Lara.

(immagine dal web)

Coronavirus 16

Ciao a tutti.

Io resto a casa e mi faccio le pulizie domestiche. Se resto in casa e penso alla tragedia che stiamo vivendo, potrei cadere in depressione.

I reparti sanitari sono al collasso: gli infermieri fanno turni massacranti e hanno bisogno di rinforzi. Ora con la sola laurea, cioè senza l’esame di stato si può lavorare. Ed è un gran bene così si immette forza lavoro fresca e gio lovane nelle corsie dando riposo a chi non ce la fa più. Continua a leggere “Coronavirus 16”

Coronavirus 15

Salve amici!

Oggi sono impressionata dai dati che leggo riferiti alla regione Lombardia: più 400 decessi circa. Immagini che passano per i TG dove hanno aperto chiese per adagiare le bare… Neanche un bombardamento forse non causa così tanti morti. Io rimango estetefatta e sempre più senza parole.

Intanto ieri sera sono uscita sul poggiolo con la torcia per partecipare al l’unità d’Italia. Sembra che il senso di patriottismo sia molto forte in questi giorni.

Nel frattempo me ne sto in casa e faccio tutti i lavori domestici primaverili che prima dovevo programmare giorno per giorno.  La mia giornata è scandita da orari diversi e più diluiti. La cosa che faccio di più in questi giorni? La lettura. Si leggo molto. E voi che fate in questi giorni? Lara.

Coronavirus 14

Salve amici,

salve a tutti. I numeri aggiornati oggi non li conosco. Sono le tredici e vi dico che, stamattina, dopo una buona colazione con telegiornale, sono uscita per fare quattro passi. Avevo bisogno di camminare, perché quando io cammino penso ed elaboro il da farsi. Stamattina invece non sono riuscita tanto a pensare, mi sono soffermata sulla realtà dei fatti, ed ho preso molta paura. Continua a leggere “Coronavirus 14”

Coronavirus 13

Salve a tutti,

È sera, sono stanchissima. Inizio al mattino con la visione delle notizie. Ne approfitto del resto della giornata per dirigere famiglia e casa. E nel frattempo penso. Penso al virus che avanza e che se sto in casa è meglio per tutti. Ad un certo punto mi manca l’aria: non c’è il sole, è anche frescolino, ma non freddo. Decido di uscire. Prendo la bici tanto per muovermi un po’. Esco; intorno a me vuoto e silenzio. Sembra di stare non so dove; non riconosco più il mio paese, non l’ho mai visto così e nemmeno immaginato. Se prima ero solo pensierosa ora mi sale la paura. Eppure conosco tutto, sono informata sul virus, ma il vuoto intorno a me mi fa più paura del virus stesso. Capisco che tutti hanno paura…. E questo genera in me ansia che a poco a poco si trasforma in panico. Meglio rientrare: tutto sommato tra le mura domestiche mi sento protetta; impegnata in tante faccende non ci penso.  E finisce un’altra giornata. Andrà tutto bene, certo, deve andare tutto bene. Lara.